Dall’intervista di Emanuela Di Pasqua a Franco Amicucci di Amicucci Formazione comparsa sull’ultimo numero di Monthly Vision:

Esistono guide ai percorsi per i nuovi mestieri? Cosa si deve studiare per diventare coulcelor filosofico,coach in un’azienda o community manager?

Le guide esistono e corrispondono, al giorno d’oggi, ai motori di ricerca. Saper usare bene i search engine è la migliore strada e corrisponde a sua volta a una competenza antica, vale a dire alla capacità di fare le domande giuste.

Condivido. In effetti già da alcuni anni mi gira per la testa la necessità di un personal searcher, ossia qualcuno che aiuti il singolo o l’azienda a sapersi districare nel mare delle informazioni digitale che non potrà che aumentare.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


3 commenti per “I nuovi mestieri passano per i motori di ricerca”

Pui seguire questa conversazione mediante lo specifico feed rss.

  1. Roberto scrive:

    Dopo gli esperti SEO e SEM, tra breve ci potrebbero essere esperti PS, personal searcher quasi come i personal trainer?!

  2. Giorgio Soffiato scrive:

    Oltre alla mancanza di corsi universitari che preparino personalità adeguate (inutile illudersi che un’università italiana possa puntare a skill tanto specifiche), registro anche la mancanza di adeguata pubblicità al fatto che da qualche parte queste professionalità vengono formate. Spesso poi non è semplice focalizzare l’importanza di queste figure in relazione alla futura domanda delle aziende. In ogni caso è forse per questo che le aziende si muovono con le corporate university o peggio (o meglio) finanziano gli atenei ingerendo nella composizione dei corsi..

  3. Stefano Vitta scrive:

    Molto saggio ;)

Lascia un Commento

Codici HTML ammessi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>