In questo momento Google non mostra più nessun sponsored links. Sia su Google.it che sul .com. Ogni ora di blackout potrebbe costare all’azienda migliaia di dollari. Sarà un bug? Un sabotaggio? Un cambio di modello di business tanto-i-soldi-li-prendiamo-dalla-borsa?

UPDATE: Nella nottata (italiana) sembra tornato tutto ok. Probabilmente solo un problema sugli ad server. Tra l’altro anche AdSense era stato influenzato da questo problema e, per qualche ora ha esposto solo PSA, ossia pubblicità di non-profit e altre organizzazioni simili.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


9 commenti per “AdWords è scomparso?”

Pui seguire questa conversazione mediante lo specifico feed rss.

  1. Cristiano scrive:

    Ora funzionano bene. Se li avessero tolti proprio ora che hanno attivato l’adsense in Italia e sono in attesa di approvazione mi incazzavo :) )

  2. Mauro Lupi scrive:

    Ue’ Cristiano, il tuo blog è splendido! Almeno esteticamente, sui contenuti andrò ad approfondire nei prossimi giorni.

  3. stefanohesse scrive:

    Concordo, davvero ben fatto e interessanti gli altri progetti. Complimenti.

  4. Mr Reset scrive:

    Per chi non lo sapesse, google è in Italia dal 99.
    Provate a fare un giro su Virgilio e rendetevene conto. Chiedete a Virgilio se si possono acquistare le keyword e vi rimanderanno all’asta di Google.
    E sì che saresti un addetto ai lavori…
    PS Le Adword su Virgilio andavano.

  5. Giordano scrive:

    Nei giorni scorsi, Fred Wilson, un venture capitalist di New York che tiene un blog molto frequentato, notava che nelle ultime settimane Google non gli riempe gli spazi destinati alle AdWords, mostrandone tre, o anche due, invece delle quattro possibili. Si chiedeva se posse un problema tecnico, o una mancanza di inserizonisti da parte di Google. Penso che questa seconda possibilità, visti i dati relativi al keyword advertising pubblicati nell’ultimo rapporto IAB, sia piuttosto remota. Problemi tecnici, allora? Collegati a questo “hiccup” italiano, forse? E il super-network di parallel computing composto da 100.000 server, comincia a scricchiolare?
    Giordano

  6. Cristiano scrive:

    Prima di polemizzare contro Google vorrei farvi ragionare sui dati: gli adwords sono presenti su tutte le ricerche e su tutti i siti che contengono gli adsense. Avete idea di quanti miliardi di operazioni debbano compiere quelle macchine ogni giorno?
    In un sistema di cosi’ enormi dimensioni e’ quasi impossibile testare bene una modifica, anche di poche righe di codice, prima di metterla in linea passandola per buona.
    Google e’ fortunatamente per noi utenti in continua evoluzione, ed il solo fatto di restituire quasi istantaneamente dei risultati in una query su un db contenente 20 anni di messaggi di usenet mentre contemporaneamente altre migliaia di persone da tutto il mondo fanno le ricerche piu’ disparate e’ semplicemente incredibile.
    Fossero tutti cosi’ i disservizi.

  7. Giordano scrive:

    Non stavo polemizzando, anzi. Dopo il meeting dello IAB di Giovedì scorso, ho avuto un’interessante discussione con un pò di partecipanti sul futuro di Google. Come dicevo anche a loro, sono piu che convinto che:
    1) Google stia lavorando per costruire non un servizio di ricerca sul web, ma un sistema omnicomprensivo che, basandosi sul più grande parallel supercomputer del mondo, sarà in grado di erogare qualunque servizio in remoto.
    2) Chi si deve preoppuare quindi, non è tanto Yahoo! (che deve farlo a breve termine), ma Microsoft. E se Google, tra qualche anno, lanciasse un sistema operativo il cui scheletro risiede sul PC, ma in cui tutti i servizi e le applicazioni vengono lanciate in remoto? Avrebbero il completo controllo di dati, attività e ricerche di tutti gli utenti Internet, o quasi.
    3) Ci sono buone possibilità che, tra qualche anno, Google sia l’azienda più importante del mondo.
    4) Sul breve termine, stanno lavorando su temi attualissimi: social networking, servizi location-based ecc… unisci questi con uno strumento facilmente consultabile e proattivo e cosa ottieni? Un sistema talmente comodo che la gente non vorrà più farne a meno.
    Come al solito, chi vivrà vedrà (toccata di balle). :)
    Giordano

  8. Silvia scrive:

    Io sono un’iserzionista di Google e da lunedì non riesco più ad entrare nel sito di Adwords…….completamente sparito!!!
    I miei sponsored links continuano a comparire ma non ho più la possibilità di gestire la mia campagna online (se avessi necessità di interromperla che faccio!!?)
    Tra l’altro non c’è alcun tipo di assistenza telefonica……solo via mail (ne ho già mandate tre, ma senza esito).
    Sto cominciando ad innervosirmi……qualcuno sa cosa sta succedendo?

  9. Mauro Lupi scrive:

    Silvia, spero che perdonerai la battuta “interessata”, ma potresti essere un ottimo testimonial per le agenzie di search engine marketing, testimoniando l’importanza e l’efficiacia nell’avere il supporto di un’azienda specializzata.
    Ok, so che non è la risposta che ti aspettavi (e comunque i miei colleghi che curano il keyword advertising mi dicono che sembra tutto regolare), però credo che il mercato potrà maturare solo quando sarà capito e valorizzato il lavoro delle agenzie specializzate. Ne avevo già scritto quasi un anno fa (http://www.maurolupi.com/2003/08/tutti_esperti.html)

Lascia un Commento

Codici HTML ammessi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>